Pubblicato il

4 Maggio: Musica e Arte in cantina

Alla Cantina della Società Agricola Siro Merotto il 4 maggio una domenica dedicata a vino, arte e musica.

Picture 943

Ospiti di altissimo livello, degustazioni e molto altro ancora

# LIVE ACUSTICO con

– SASHA TORRISI / ex-TImoria e cantante Rezophonic
– ONE MAN PIER / il Cantabarista
– IBREVIDIVERBI / Acoustic Duo

# MOSTRA D’ARTE con opere di

– SASHA TORRISI
– ONE MAN PIER
– ARTURO GOBBATO
– GUIDO BOTTAZZO
– OSTERIA MEKKANIKA

# FOOD & DRINK con

– PROSECCO TRANQUILLO
– PROSECCO SPUMANTE BRUT
– KIWINY
– FORMAGGI E SALUMI
– UOVA E ASPARAGI

# Su prenotazione: PIC-NIC all’ora di pranzo sulla collina di SAN VIGILIO immersi nei vigneti all’ombra dell’antica Pieve

Pubblicato il

Le malattie del vino – parte 1

Il vino è paragonabile ad un essere vivente e come tale si può “ammalare”. Vediamo qui una breve rassegna di cosa può intaccare il nostro prodotto

I batteri acetici

Sono chiamati acetici quei batteri dotati di intensa attività ossidativa
che, ossidando l’alcool etilico ad acido acetico,  sono i responsabili della così detta “fermentazione acetica”.
Hanno la capacità di sintetizzare la cellulosa e formare delle voluminose “madri” dal forte sentore di aceto.
I batteri acetici, trovano un ambiente favorevole quando la temperatura  tra i 25° C e 30° C, un pH di 3.2 (tipico del vino bianco Prosecco) e un tenore alcolico basso, attorno al 10% vol.

Come si prevengono?
– conservazione del vino in assenza di ossigeno e mantenimento della temperatura tra gli 8° C e 10° C
– utilizzo equilibrato di anidride solforosa
– in caso di vini in damigiana, impiegare dei dischi di paraffina pura impregnati di isotiocianato di allile

 

Pubblicato il

Brut: cosa vuol dire?

E’ la versione più moderna e internazionale. Si caratterizza per profumi di agrumi e di note vegetali e crosta di pane, unita ad una bella e viva energia gustativa. Si apprezza servito a 7-9° C, su antipasti di pesce e verdure anche elaborati, primi con frutti di mare e piatti di pesce al forno o a tutto pasto. Il residuo zuccherino va da 0 a 12 g/l.